Come comportarsi con gli scarafaggi

Nessuno di noi è felice al pensiero di potersi trovare a dover contattare in tutta fretta un servizio professionale didisinfestazione di blatte e scarafaggi; prima ancora delle preoccupazioni sul costo, entrano in gioco fattori come la preoccupazione sociale (cosa penseranno i vicini? “avere gli scarafaggi in casa” è da sempre sinonimo di sporcizia e scarsa cura della casa) e anche istinti più profondi di ribrezzo (sono pochi gli animali che ispirano maggior disgusto di questi). Tuttavia, il problema non può essere trascurato, e anzi nel momento in cui ce ne rendiamo conto non c’è spesso nemmeno molto più tempo da perdere: è possibile che, quando gli insetti sono in numero così grande da farceli notare, l’infestazione sia già cominciata da mesi, perfino da un anno, tanto sono abili questi animali a nascondersi anche negli spazi più angusti.

Il dato numerico, infatti, è sconvolgente. Calcoliamo brevemente: una femmina di scarafaggio porta solitamente un numero variabile di gruppi di uova, che possono essere fino ad otto; ciascuno di questi contiene più o meno quaranta uova, e la femmina ne rilascia una circa ogni sei settimane. Dal momento della schiusa, il piccolo di scarafaggio raggiunge la maturità in soltanto tre mesi, e dati i numeri coinvolti, trovare un partner per accoppiarsi a propria volta è praticamente automatico; e il processo ricomincia. Aggiungiamo a tutto questo la considerazione terrificante che uno scarafaggio vive in media anche due anni. Il calcolo vi sembra complesso? Be’, mantenendosi su considerazioni statistiche abbastanza ragionevoli, possiamo produrre un dato riassuntivo che forse vi sarà più utile: nel corso di un anno, a partire da una sola coppia di scarafaggi adulti, è possibile che se ne generino circa due milioni.

Se anche non ci avevate mai pensato prima, probabilmente ora avete una certa fretta di conoscere i possibili metodi per risolvere un problema di infestazione di scarafaggi: è comprensibile. Dopo avere identificato dove sia il loro nido (cercate soprattutto in cucina e in bagno: gli scarafaggi hanno bisogno di molta acqua) potete procedere in tre modi. Il primo è usare il rimedio tradizionale di mescolare in un piattino un po’ di borace e un po’ di zucchero; questo può essere utile però per le piccole infestazioni. Se il problema è maggiore potete acquistare una trappola apposita, che contenga dei materiali adesivi per intrappolare gli insetti dopo averli attirati. E nei casi veramente gravi, diventerà necessario utilizzare delle sostanze chimiche apposite, da spruzzare in tutta la casa dopo aver ben chiuso e protetto tutti i propri effetti personali. Questo genere di applicazione è decisamente meglio, però, lasciarlo ai professionisti: per la vostra serenità e il miglior risultato, meglio organizzarsi con un servizio di disinfestazione e passare qualche giorno fuori casa.

admin

admin ha scritto 28 articoli

Navigazione articoli


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>